MOSTRA IAIART


FESTA DI CHIUSURA
Giovedì 1 marzo
dalle ore 20,00 esposizione e vendita creazioni artistiche
alle ore 22,00 concerto live dei SOULAMENTE

ILARIA LAISE, una giovane ecoartista milanese che lavora gli scarti di pellame, creando pezzi unici e originali che danno valore a materiale che altrimenti diventerebbe … uno scarto!
Il desiderio interiore di creare l’hanno portata a crescere artisticamente e
professionalmente e a portare avanti la filosofia dell’unicità del pezzo.
I suoi lavori, improntati sul riciclo dei materiali, comprendono il recupero di piccoli pezzi di pellame scartati da negozi, aziende, fabbriche o semplici sartorie e la sua idea è quella di realizzare oggetti unici e non ripetibili, decorati ispirandosi alle simbologie delle popolazioni indigene di tutto il mondo.
La sua grande passione è quella di recuperare qualsiasi cosa, ecco nascere l’idea di dare nuova vita a mobili, piccoli oggetti o di ricreare nuove cose con questi scarti.


SOULAMENTE
Da Aretha Franklin a Joss Stone, da Alicia Keys a Gino Vannelli, passando per John Mayer, Corinne Bailey Rae, Alain Clark… Il tutto interpretato attraverso il ritmo dell’anima: IL SOUL!
I Soulamente suonano con PASSIONE questa musica ed ambiscono a trasmetterla a chi li ascolta.
Di tenere le redini del gruppo e il microfono se ne occupa l’affascinante Carlotta De Lellis, Davide “Herbie” Cadibbu suona più tastiere alla volta e Martino Groppi una sola chitarra, Federico “Defe” Baglioni e Giuse “Ppé” Mele suonano basso, batteria e cantano.
IAIART pagina facebook:

https://www.facebook.com/pages/IAIART/246977628699240

SOULAMENTE pagina facebook:

https://www.facebook.com/pages/Soulamente/184792828245117?ref=ts&sk=wall


L’ecoarte sta prendendo piede in modo importante anche in Italia e un numero sempre maggiore di artisti decidono di dedicarsi ad essa come nuovo linguaggio in linea con i tempi, per cui l’attenzione verso l’ambiente si sta imponendo come fondamentale per il nostro futuro.

In questo stile si inserisce Ilaria Laise, una giovane ecoartista milanese che lavora gli scarti di pellame, creando pezzi unici e originali che danno valore a materiale che altrimenti diventerebbe … uno scarto!
Ilaria riesce a tradurre in arte materiali altrimenti diretti alla spazzatura. A ben pensare, la pelle è un materiale di grande valore e ridarle vita attraverso oggetti artistici ha significato ancora maggiore.

Il percorso artistico di Ilaria Laise inizia con gli studi al liceo artistico Santa Marta di Milano e poi attraverso i corsi universitari di Storia dell’Arte e Design Tessile. La formazione, lo spirito d’iniziativa e il desiderio interiore di creare l’hanno portata a crescere artisticamente e professionalmente e a portare avanti la filosofia dell’unicità del pezzo. La bigiotteria che lei realizza infatti è libera proprio perché unica e nessuno potrà dire “questa collana è uguale alla mia!”.
I suoi lavori, improntati sul riciclo dei materiali, comprendono il recupero di piccoli pezzi di pellame scartati da negozi, aziende, fabbriche o semplici sartorie e la sua idea è quella di realizzare oggetti unici e non ripetibili, decorati ispirandosi alle simbologie delle popolazioni indigene di tutto il mondo e, ovviamente, alla sua fantasia. Un connubio di vero successo.

Ilaria ha lavorato con una conservatrice esperta al Castello Sforzesco di Milano e in questa occasione ha toccato con mano e lavorato su oggetti provenienti da Africa, Asia, America, Australia, Cina e Giappone. I colori e le forme di questi oggetti le hanno donato l’ispirazione per reinventare forme e geometrie nuove.

Poiché la sua grande passione è quella di recuperare qualsiasi cosa, anche destinata alla spazzatura, ecco nascere l’idea di dare nuova vita a mobili, piccoli oggetti o di ricreare nuove cose con questi scarti.
Ogni pezzo è decorato da lei personalmente, ritagliato e cucito a mano ed è quindi unico e irripetibile. Si tratta di collane, orecchini, bracciali, borse, cinture, spille: ogni pezzo prende nuova vita in moto totalmente unico.

Comments are closed.