Daniele Gaggianesi in “Quand finìssen i semafor”

Daniele Gaggianesi in “Quand finìssen i semafor”
monologhi e canzoni in dialetto milanese
ospite speciale Paolo Cerruto con poesie tratte dalla sua raccolta Poetically Scorret
venerdì 24 maggio ore 21:30
ingresso 4€
Daniele Gaggianesi è un poeta e attore milanese. Recentemente ha ricevuto il Premio Testori per la sua poesia.
“Quand finìssen i semafor – Quando finiscono i semafori” è il titolo della sua raccolta di poesie in dialetto milanese del XXI secolo, pubblicata da Arcipelago itaca Edizioni, che in questa occasione presenterà sotto forma di monologhi e canzoni, accompagnato dalla sua chitarra.
Nessun intento nostalgico-conservativo nella sua poesia: il dialetto milanese, una lingua antica in via di estinzione, e la metrica classica sono usati per creare un corto circuito con l’affresco di personaggi invischiati nella nostra metropoli iperinformatizzata, per guardare con altri occhi, ironici e straniati, le gioie e le miserie quotidiane di centro e periferia, tra sale slot machine e gru dell’Expo, app d’incontri e miracoli sconosciuti, seguendo i riders che sfrecciano sudati lungo le rive di un Naviglio che qualcuno, nonostante tutto, continua a ritenere natabile.
I “forestee” che non conoscono il dialetto non si scoraggino, saranno dolcemente guidati in questo viaggio.

Ospite di questa sera sarà il poeta Paolo Cerruto, un’altra voce che racconterà la città con uno sguardo differente, attraverso la lettura di alcune poesie tratte dalla sua raccolta “Poetically Scorrect”, pubblicata da Eretica Edizioni.

«… Vardee! L’è cèrto,
quèlla l’è minga nutria, l’è comèta».
Sòlita vos clamantis in deserto.
E i runners vann; chi moeur l’è el profètta.

«… Guardate! è certo,
quella non è nutria, è cometa».
Solita voce clamantis in deserto.
E i runners vanno; chi muore è il profeta.

Comments are closed.